Maratona di New York, 6 motivi per farla e 2 per non farla.

E’ fatta. Dopo 9 mesi di preparazione, 1800 kilometri di corsa in allenamento (un migliaio per Ilaria), centinaia di ore con le scarpette da running ai piedi, 3 paia di scarpe consumate e senza suola, dolori e acciacchi gestiti e guariti, contratture e nuovi plantari ai piedi, siamo arrivati al giorno della nostra prima maratona, La Maratona delle maratone: New York. E l’abbiamo portata a termine, entrambi, piu’ o meno nei tempi che ci eravamo prefissati 9 mesi fa (guarda qui la simulazione della gara, io col numero 13212 ed Ilaria 27919). Ed è stato mooooooooolto più emozionante di quanto avessimo immaginato.

 

ilariany1.jpg

Voglio descrivervi in breve la cronaca dei momenti salienti, e poi dare un paio di buoni motivi per fare questa Maratona, o per decidere di non farla.

7:30 Siamo alla area di partenza del Ponte di Verrazzano, tre zone, verde, arancio e blu, ciascuna con migliaia di persone in fremente attesa. Distribuiscono te’ caldo, bibite, integratori e donuts (ciambelle tipo pane). Freddo ma siamo vestiti bene.

9.50 Chiamano ai cancelli, io sono al blocco 13.000 ed Ilaria al 27.000. Un saluto e la prima emozione quando ci avviamo entrambi al proprio cancello. “Ci vediamo all’arrivo J

10.05 Un’occhiata di sole scalda gli animi, ci leviamo la tuta (verranno raccolte tutte e date in beneficenza), tutto pronto.

10.10 Il colpo di cannone, wow la seconda emozione, mi giro verso il ponte e vedo gli atleti (quelli veri) che partono a razzo. Tutto intorno boato di gioia e urla di incitamento. Urla che ci accompagneranno senza tregua fino alla fine. C’e’ una atmosfera di fremente attesa per l’imminente partenza, tra qualche minuto parte anche il mio blocco.

10.20 Ci avviciniamo camminando alla partenza, ciascuno è al massimo della concentrazione, sappiamo che stiamo per dare il via all’avventura. Tutta la mia tecnologia è pronta, il Garmin col satellitare, impostato con l’autolap ogni miglio, l’allenatore automatico che mi segnala il ritmo gara, il bracciale (gentilmente donato dalla Nike) con i tempi di passaggio ogni miglio. Sono vestito giusto, muscoli caldi e stretching ok.

10.27 Via !!!! Parto sul Ponte di Verrazzano, e prendo la corsia sotto il Ponte. Ilaria partirà alle 10.44. Cerco di non partire subito a razzo, anche se è difficile trattenersi.

Ed è subito salita …. me lo sentirere ridire più volte …. salita, come può una città in riva al mare essere tutta in salita ? Ebbene .. puo’ ….

Sotto il ponte di Verrazzano il Garmin perde subito il segnale, e quando esco stenta a riprenderlo, un paio di curve e tutto il mio piano di tempi, medie al km ed al miglio va a farsi friggere …. buono a sapersi per la prox volta. Mi rassegno immediatamente all’assenza del supporto tecnologico (si puo’ vivere senza, giuro) e mi accontento di un sano cronometro e della mia fascetta con i tempi preventivi al miglio. So che me la godro’ comunque al massimo e che correro’ con il cuore, e non per fare il tempo. Ora posso dire che avrei fatto lo stesso tempo anche senza orologio ….

Da li a pochi minuti il primo contatto con la folla, siamo a Brooklin, e le vere emozioni arrivano subito. Ci troviamo in mezzo a due ali di folla che balla, urla e ci incita. File di decine di bambini neri e bianchi che cercano disperatamente di darti il ‘cinque’ !!! Si mettono uno dietro l’altro, cosi basta allungare la mano mentre corri, e batti il cinque a 10 bambini in fila !!! Spettacolare, e piu’ batti il cinque e piu’ la folla ti incita, chiamandoti per nome (vi ricordate il nome sulla maglietta ?), Go Paolo GO, Great Job Paolo, Go Italia You Can Do It.

Poi cominciano i cori e le bande rock, blues e jazz (piu’ di cento in tutto il percorso) … e la gente balla e incita… meraviglioso, non ricordo di essermi emozionato e commosso così a lungo in vita mia. E ovviamente la carica che ti da’ la folla è pazzesca, le gambe vanno come dei treni. Sarà cosi fino al Queens, al 25km.

Il passaggio alla mezza maratona è buono, le gambe vanno anche se le continue salite della prima parte si fanno sentire.

Il primo momento di sconforto è sul secondo ponte, quello del Queensboro, un’altra salita, lunghissima (la lunghezza delle salite percepita è sempre maggiore di quella reale, sigh). E oltretutto qui la folla non c’e’, solo centinaia di piedi che scalpitano sotto il ponte.

E poi l’arrivo a Manhattan. Dopo una decina di minuti di silenzio sotto il ponte, risentire la folla è bellissimo !!! Si riparte subito alla grande, ma mi accorgo che la salita è tutt’altro che finita. La First Avenue ci accompagnerà fino a Nord nel Bronx, e, dalla cima di una delle prime salitine lo spettacolo è galvanizzante e inquietante. Lo chiamano “il canyon di Manhattan”, 70 blocchi di strade, quasi 8km di stradona diritta, su e giu’, tra due file ininterrotte di grattacieli, aiuto, come arrivare fino in fondo ?

Eppure si arriva, a stenti ma si arriva. E’ qui che ho perso un po’ di smalto, la salita persiste e le gambe diventano di legno.

Arriviamo nel Bronx, poche centinaia di metri e torniamo ad Harlem, ancora bagno di folla e band che suonano rock. Poi ancora Manhattan, sulla Quinta. Siamo al 35km.

La logica direbbe, se la First Avenue, da Sud a Nord era in salita, allora la Fifth Avenue, da Nord a Sud sarà in discesa ? La risposta è no …. non so dirvi come, ma anche la Quinta presenta tratti in salita, le gambe ora cominciano veramente a reclamare, mando giu’ Enervit uno dietro l’altro per compensare il calo di zuccheri.

Finalmente entriamo in Central Park, al 38km, anche qui la folla è scatenata, e soprattutto valanghe di Italiani, turisti e immigrati, inneggiano a tutti i maratoneti italiani che passano, molto bello, emozionante e toccante.

Ma, dentro il parco, evviva evviva, una discesa vera !!! Le gambe ritornano a girare e mi lancio per recuperare pià tempo possibile, ma arrivati in fondo al parco, sulla 52esima ancora un falso piano in salita, e sarà cosi fino all’arrivo. Riesco ancora a scattare ed accelerare gli ultimi metri, segno che le gambe vanno ancora e taglio il traguardo, 4 ore e 49 secondi. E’ fatta.

Torno pian piano in albergo (a piedi….) prendo la macchina fotografica e riesco a tornare in zona. Arrivo giusto per vedere (e fotografare) Ilaria che arriva … fantastico. Che festa e che avventura !

Beh, ora non ci resta che cercare di memorizzare e fare nostri questi indimenticabili momenti …. e consigliarvi di iscrivervi alla prossima edizione …😉

Un grazie speciale va ai massaggi riabilitanti della ‘mamma’ signora Doria, ai plantari del sig. Barbetta ed ai consigli del dr. Somenzini e a tutti gli amici che ci hanno sostenuto (oltre ad averci dato dei ‘pazzi’).

Ed anche ai tecnici della Asics che su MyAsics Running hanno messo a punto un ottimo programma di allenamento online, programma che abbiamo seguito e che ci ha portato in fondo.

Ed ecco alcune chicche da non dimenticare:

 

6 Motivi per fare la Maratona di New York

  • La Maratona è una sfida con te stesso, non è una gara contro gli altri, sei solo tu, i mesi di preparazione, la tua determinazione a finire e a raccogliere il risultato sul filo del traguardo. E New York è quella che esercita il fascino, e la sfida, maggiore.
  • La folla. L’abbraccio della folla, soprattutto nei quartieri poveri è commovente, non ricordo di essermi emozionato così tanto in vita mia …. sentire bambini, adulti, anziani, di ogni razza e nazionalità che ti chiamano per nome, incitano l’Italia, ti danno il ‘cinque’ ….
  • L’organizzazione è semplicemente perfetta. Mai in ogni momento, pensi che ci sia qualcosa che non va. C’e’ persino un servizio di alert via email, che segnala a parenti ed amici, il tuo passaggio cronometri ogni 5km. I nostri genitori, a qualche migliaio di km di distanza hanno seguito la gara con noi !
  • E’ commovente ed emozionate. Per la folla, per le organizzazioni di carità che fanno a gara, per le persone che corrono con le scritte più disparate e toccanti
  • New York è una gran bella città, una settimana di ferie in novembre è moooolto gradita J
  • Morale, non è un gara, è una festa !

 

2 Motivi per NON farla

  • E’ in salita …  credetemi la quantità di salita percepita è oltre ogni limite di immaginazione. Questo significa che vi richiederà piu’ fatica di quante avete preventivato….
  • E proprio per questo va preparata accuratamente. Senza preparazione il rischio di non finirla o di farsi male è elevato.

nyelevation.jpg

Spero che questo ed i post precedenti possano contribuire a convincerti a fare una maratona anche tu …. e magari quella di New York …. buona fortuna😉

Qui i post che abbiamo scritto prima della Maratona, nei giorni precedenti

This entry was posted in Appunti di viaggio, my lifestyle, Running, Sport and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to Maratona di New York, 6 motivi per farla e 2 per non farla.

  1. i says:

    Mi ritrovo in tutta la descrizione, con delle differenze a partire dal Queens. Fino alla mezza ho tirato troppo rispetto alla media degli allenamenti che avevo fatto, e questo grazie al pubblico. Arrivata al ponte di Queensboro ho realizzato che per arrivare al 42-esimo km avrei dovuto camminare. e cosi’ ho fatto e sono arrivata in fondo.

    A partire dall’inizio tanti amici mi hanno scritto messaggi (io avevo il telefono che mi ha fatto compagnia…. non si sa mai in caso di necessità) e ogni 5 km pensavo di correre con le loro gambe in modo da avere piu’ sostegno di quello che mentalmente ti dai e ti da il pubblico.

    Concordo pienamente con il primo commento del post: e’ una sfida personale e contro te stesso. E’ una questione si di allenamento (indispensabile) ma e’ di testa, di determinazione e di orientamento al risultato. Esattamente come fare un difficile progetto oppure come giocare a golf: non giochi contro altri, ma contro te stesso.

    Ciao a tutti!
    Ilaria

  2. Ugo says:

    Completamente d’accordo sul fascino di questa maratona e sulle emozioni che si vivono sul percorso, ma devo dire che qualche pecca organizzativa c’è stata e credo sia giusto parlare anche di questo.

    1) La consegna delle borse è stato un vero calvario per alcune migliaia di persone. La zona antistante i camion del settore arancione era un passaggio obbligato per chi doveva consegnare nel settore blu. Intorno alle 8:30 questa area, particolarmente stretta, era completamente congestionata e l’operazione mi è costata circa un’ora, con momenti di vero panico. Per tutto il periodo mi è parso che nessuno dell’organizzazione si sia preso in carico il problema.

    2) VIsta la bella cifretta sganciata per garantirsi il pettorale, mi è parso segnale di avidità eccessiva (non l’unico) pretendere 20$ per un pasaggio in autobus di 4 km

    3) All’arrivo spiccava l’assenza di bevande calde ed il fatto che alcuni abbiano dovuto camminare 20′ per recuperare la propria borsa

    Ciao
    Ugo

  3. nicola(3:27:39) says:

    sara’ che sono ormai alla terza esperienza in questa fantastica maratona e quindi sapevo perfettamente cio’ che mi aspettava.
    Questa e’ una maratona veramente tosta che non ti lascia mai respirare.
    l’unico tratto facile,e vi giuro e’ un eufemismo,e’ il primo dove fondamentalmente le pendenze sono accettabili.
    Il finale e’ tremendo e non ti da tregua.
    anche quest’anno,a causa del casino per la consegna delle borse,sono partito in fondo e alla fine sono passato sulla linea di partenza almeno 14 minuti dopo i primi subendo cosi un inevitabile ritardo sulla tabella di marcia ma ala fine va bene cosi.
    Come dice ugo la camminata per raccogliere le borse e’ veramente devastante,io per esempio avevo il furgone 65 praticamente in cima a central park.
    comunque il prossimo anno ci torno.
    Ciao
    Nicola

  4. Daniele says:

    Scopro solo ora il vostro blog… E mi sono riletto con tanto piacere il racconto della maratona… in cui c’ero anche io…🙂 Noi che c’eravamo sappiamo proprio cosa vuol dire viverla…

  5. patrizia says:

    Ho partecipato con mio marito a quella del 2004
    fantastica
    mio marito era reduce da un politrauma della strada nel 1999 che l’ha tenuto per 6 mesi ricoverato a Niguarda, il suo sogno in quei giorni era partecipare a questa Maratona.
    Ci siamo allenati e anche contro il parere del fisiatra l’abbiamo fatta.
    Ci abbiamo messo 7he28′, ma è stata bellissima.
    Quest’anno ci ritorniamo
    Mio marito è del ’42 io sono del ’46 e siamo degli appassionati camminatori.
    Per le forti emozioni che si provano soprattutto nel momento della partenza guardando questo ponte strapieno di persone, mi sento di consigliarla caldamente a tutti.

  6. Mary says:

    Buon pomeriggio,
    scusate la domanda stupida, secondo voi è possibile farla SOLO CAMMINANDO?

    Grazie, Baci

  7. Paolo Furini says:

    Camminando, si certo perchè no. C’e un tempo limite, ma credo che per New York sia veramente elevato. Prova a verificare sul sito, e magari calcola che camminando puoi fare 5 o 6km all’ora. Ho visto un paio di persone (terza età) che camminavano sorridendo tra la folla …🙂

  8. Pingback: Maratona di Firenze: è servita tanta determinazione … ma che bello! « Pensieri liquidi

  9. Alessandro says:

    Ciao a tutti.Quest’anno vorrei provare anche io questa esperienza meravigliosa da voi descritta.Ho cercato su internet informazioni riguardo l’iscrizione,ma e’ davvero cosi’ costosa?Non e’ possibile fare tutto per conto proprio senza affidarsi ai tour operator?Mi sto allenando da mesi e spero di non dover rinunciare a questo sogno soltanto per questioni di soldi.
    A presto.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s